Transizione Energetica nel Centro di Rinnovamento Francescano

Paradise Valley, Arizona

Il Centro di Rinnovamento Francescano (Franciscan Renewal Center FRC) – in modo affettuoso noto come “la Casa” – è stato fondato nel 1951 dall’Ordine dei Frati Minori, parte della famiglia francescana di tutto il mondo. La Casa lavora in collaborazione con la Diocesi di Phoenix e i sacramenti vengono celebrati nella chiesa conventuale di Nostra Signora degli Angeli nel campus della FRC. Oggi la Casa è una fiorente comunità cattolica che celebra messa quotidiana e domenicale, offre ritiri, spazi per gruppi senza scopo di lucro, consulenza autorizzata sulla salute comportamentale e ministeri di sensibilizzazione e assistenza.

Il Ministero “Cura del Creato” (Care for Creation – C4C), istituito nel 2014, sostiene i continui sforzi di sostenibilità della Casa. Il suo primo progetto è stato quello di condurre un audit energetico di tutti gli alloggi e le sale riunioni negli edifici del campus su una superficie di 25 ettari. Sono stati scoperti numerosi problemi, tra cui porte piene di spifferi e frigoriferi inefficienti. Una volta identificati i problemi, sono iniziati i lavori. I membri della comunità hanno aiutato a installare weatherstripping and door sweeps e il lavoro è stato completato su 52 porte a maggio 2015. Nove dei frigoriferi che consumavano più energia sono stati sostituiti con quelli della Energy Star. Senza spese per la FRC, sono state risparmiate 612 kg di emissioni di CO2 all’anno per ogni porta messa in sicurezza e il consumo di energia per i nove frigoriferi è diminuito del 78%. Dopo aver visto cosa si potrebbe realizzare con piccoli cambiamenti e con il sostegno della comunità Casa, il Ministero C4C ha deciso di passare a cose più grandi – migliorando la gestione ambientale della FRC con un impianto solare come alternativa di energia rinnovabile alla combustione di combustibili fossili.

I pannelli solari e la costruzione della nuova chiesa secondo gli standard LEED per la nostra comunità, gli ospiti e i vicini sono segni esteriori del nostro impegno francescano per la tutela ambientale, e ispirano gli altri a unirsi per agire e prendersi cura della nostra casa comune.

Il primo passo è stato quello della ricerca e la formazione. I membri di Cura per il Creato hanno incontrato un consulente energetico; è stato chiesto il parere per chiese e sinagoghe nell’area dove avevano recentemente installato un impianto solare e intervistato tre compagnie di energia solare raccomandate da altre comunità religiose. Si è deciso di installare un impianto solare in più fasi. La prima fase, su un edificio di nuova costruzione che avrebbe alimentato anche tre ulteriori edifici, è stata completata nel dicembre 2015. Le proiezioni hanno mostrato che nei prossimi 25 anni le emissioni di CO2 sarebbero ridotte di 900.000 kg approssimativamente. Fino a febbraio 2019, questo risparmio energetico equivaleva a piantare 6.168 alberi nel campus della FRC!

La seconda fase dell’iniziativa solare non è cominciata immediatamente. Nel campus era in costruzione una nuova chiesa e l’attenzione della comunità era rivolta a questo progetto. Il Comitato di Costruzione della Casa si è adoperato per costruire la prima chiesa in Arizona in modo da ottenere la certificazione LEED (Leadership in Energy and Environmental Design), il che significa che la nuova chiesa risparmierebbe energia e risorse riducendo i costi operativi e ottimizzando la salute con l’evitare di sostanze chimiche dannose. Una volta completata la chiesa, sarebbe stato costruito un Community Life Center (CLC), l’edificio perfetto per la fase successiva dell’iniziativa solare.

Il sostegno di tutta la comunità Casa era necessario per questa grande impresa. Un sondaggio sull’energia solare è stato distribuito a maggio 2018 per determinare il livello di interesse per questo nuovo progetto. Successivamente, nel febbraio 2019 è stata presentata una sessione formativa, che spiega come i pannelli solari integrano il messaggio di Laudato Si’, nonché i vantaggi ecologici e finanziari. Un’iniziativa di finanziamento è iniziata dopo la sessione formativa di febbraio e, a giugno 2019, sono stati raccolti fondi sufficienti per 120 panelli. I pannelli solari sono stati installati come parte del processo di costruzione del Community Life Center e hanno ridotto il consumo di energia netta del CLC pari a zero, riducendo anche la fatturazione della Chiesa del 18%.

Kathy LeMoine
Membro del Ministero Cura per il Creato (C4C)

 

Competenze

Postato il

7 Luglio 2020

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *